ViaggeroEuropaSpagnaAndalusiaSivigliaCosa vedere

Siviglia

Informazioni essenziali
Arrivare e muoversi
Cosa visitare a Siviglia
Itinerari
Dintorni di Siviglia
Shopping e prodotti tipici
Dove dormire a Siviglia

Siviglia: visitare il centro storico

Reales Alcazares

Tutti i monumenti più importanti di Siviglia si trovano intorno a a Plaza del Triunfo, dove si ergono i Palazzi Reali (Alcazares Reales), gli edifici più ricchi di storia di tutta la Spagna, frutto della trasformazione della fortezza costruita dagli Arabi. La loro caratteristica principale riguarda la molteplicità degli stili e delle decorazioni e l'insieme affascinante dei colori che si perdono negli enormi saloni, nei patii e nei giardini del palazzo.

Durante il XII secolo l'Alcazàr, venne trasformato in una residenza di rappresentanza quando Siviglia diventò la capitale del regno di Taifa da parte degli Almohadi. Dell'originale fortezza almohade del XII secolo si conservano solo il Patio del Yeso e gli archi separanti il Patio de la Monter�a (cortile della caccia) dal il Patio del Leon, alla cui destra si apre il cuarto del Almirante che dal 1503, fu Casa de la Contrataciòn per stabilire gli affari con l'America.

Al Patio del Yeso si accede dalla Puerta del Leon, una porta araba il cui nome si ispira alla raffigurazione di un leone incoronato che conduce appunto a questo patio: un lungo giardino fatto di aiuole ed edifici in mattoni talvolta ornati da archi e porticati. Poi dopo la Reconquista, l'Alcazar divenne residenza cristiana modificata profondamente da Ferdinando III, anche se il nucleo centrale della struttura resta ancora quello fatto erigere da Pietro I il crudele e per questo conosciuto anche con il nome di Palacio de Pedro el cruel. Per la sua realizzazione Pietro si fece portare i resti di costruzioni islamiche fino al completamento della splendida opera finale nata dalla fusione di elementi islamici con quelli della tradizione ispano-cristiana. L'Alcazar rappresenta un capolavoro dell'arte e dell'architettura mudejar. Un passaggio obbligato della fortezza è quello che conduce al Patio de las Doncellas (Cortile delle Donzelle) con le sue decorazioni in gesso tipiche dell'arte arabo-andalusa e a quello de las Muhecas (Cortile delle Bambole) così chiamato per via delle piccole teste di donne che ornano i capitelli. Ma ci sono anche il Salòn del techo di Carlo V con il suo soffitto a cassettoni o il meraviglioso Salòn del techo de Felipe II, dal soffitto rinascimentale in cedro, quest'ulimo comunicante con il Salone de los Embajadores, la Sala degli Ambasciatori in stile mudejar, stanza più lussuosa dell'Alcazar e sovrastata da una grande cupola dorata ornata di arabeschi del 1427.

Vicino al palazzo mudèjar si trova poi il Palazzo di Carlos V eretto da Juan Hernandèz nel 1543 e così chiamato in onore delle nozze del sovrano con la principessa portoghese Isabella che qui si celebrarono. Il padiglione è circondato da archi e colonne e decorato con stucchi e piastrelle dove rinascimentali dove mudejar. Ma al suo interno è custodita anche una magnifica collezione di arazzi rappresentanti la conquista di Tunisi ad opera di Carlo V. Dal palazzo potrete accedere ai Giardini dell'Alcazar, di stile arabo con forme rinascimentali e romantiche. Degli straordinari giardini così come erano in origine, ne è rimasta solo una piccola parte, ma avrete comunque la possibilità di ammirare terrazze dalle eleganti forme geometriche, laghetti nascosti in grotte e fontane che formano straordinari giochi d'acqua. L'uscita dai Reales Alcazares si effettua dal Patio de Banderas con una spettacolare vista della Cattedrale e della Giralda e da cui dall'alto potrete godere della vista di tutti i vicoletti di Siviglia.

Orario
Dal 1/10 al 31/3, da Martedì a Sabato: 9.30-17
Domencia e festivi: dalle 9.30 alle 13.30
Chiuso il Lunedì
Dal 1/4 al 30/9, dal Martedì al Sabato: 9.30-19
Domenica e festivi: 9.30-17.
Chiuso il Lunedì
Prezzo 7 € 

La Cattedrale di Siviglia

L'imponente Cattedrale de Santa Maria a Siviglia, dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, fu costruita nel posto in cui prima c'era la Moschea Mayor a 17 navate, abbattuta nel XV secolo, perché, secondo molti, iniziava a mostrare segni di decadenza. Ma in realtà si dice che il motivo reale per cui si costruì questa cattedrale sia stato perché Siviglia voleva superare in bellezza il duomo di Toledo, simbolo della Chiesa Spagnola. Così la maestosità della Cattedrale l'ha confermata il monumento religioso più grande del mondo cristiano dopo San Pietro, nonché una delle ultime cattedrali gotiche mescolate allo stile rinascimentale.
Della precedente costruzione moresca demolita, rimasero solo la Giralda e alcuni resti nel Patio de los Narajos, mentre la nuova struttura venne eseguita probabilmente da Alonso Martinez. L'interno di questa straordinaria chiesa è concepita come quello di una basilica il cui perimetro si rifà alle moschee arabe. E' composta da cinque navate in stile gotico e da due cappelle, la Maggiore e la Reale, dove furono seppelliti Fernando III, sua moglie Beatrice di Svevia e il figlio Alfonso X il Saggio. La Cappella Mayor o Presbiterio raccoglie un immmenso retablo ispano-fiammingo scolpito e dipinto con le scene che raffigurano la vita di Cristo e della Vergine. Nella Sacristìa de los Calices si trova invece il celebre Tesoro in cui sono rappresentate le sculture e i dipinti di Murillo, Juan Valdès, Goya e altri, mentre all'interno della sala Capitolare domina l'Immacolata Concezione di Murillo, straordinario esempio dell'architettura rinascimentale del XVI secolo. La Cappella Reale (1575) è coperta da una grande cupola rinascimentale e preceduta dall'altare su cui si erge la statua di legno della Vergine de los Reyes, patrona della città, che si trova al centro delle due tombe di Alfonso X e di sua madre. Potrete notare un'altra esemplare Cappella quella della Vergine de la Antigua, al cui lato si trova il Sepolcro di Cristoforo Colombo. Mentre ancora un altro elemento rilevante della Cattedrale è costituito dal portale principale, la puerta de la Asunciòn del 1885, con le sue altissime navate illuminate dalla luce del sole che penetra dalle splendide vetrate cinquecentesche. Il Museo della Cattedrale contiene inoltre opere di grandi pittori, libri, ornamenti ed una sontuosa collezione di oreficeria. Mentre i resti dell'antica moschea potrete visitarli nel Patio de los Naranjos (Cortile degli Aranci), ricco di alberi di aranci che si trova accanto alla cattedrale.

Orario
Dal Lunedì al Sabato: 11-17
Domencia e festivi: dalle 14.30 alle 18.00
Dal 1 al 31 Agosto
Dal Lunedì al Sabato: 09:30-15.30
Domencia e festivi: dalle 14.30 alle 18.00
Prezzo 7 € (incluso ingresso alla Giralda)

La Giralda

A fianco dell'abside della grande cattedrale si erge la Giralda (anche detta Banderuola), il monumento più caratteristico di Siviglia. La torre alta ben 96 metri rappresenta un antico minareto del XII secolo, il cui nome deriva dalla statua bronzea della Fede che venne aggiunta nel 1568 nella sua parte superiore. La statua della Fede che sovrasta la torre gira su se stessa a seconda del vento, come dice stesso il suo nome, ed raffigura appunto la Fede con stendardo e palma tra le mani. Il suo nome, Giraldillo poiché "girevole", ha ispirato anche quello della torre stessa, la Giralda. La Giralda ha ricoperto la zona che un tempo era quella della Grande Moschea demolita nel XV secolo e di cui venne salvato solo questo minareto, poi tramutato in campanile dell'attuale cattedrale. La sua decorazione è frutto dello stile caratteristico degli Almohadi, dinastia molto religiosa, nemica del lusso e fautrice della semplicit�. Dalla rampa di scale posta all'interno della cattedrale potrete salire fino ad una piattaforma alta 70 metri da cui ammirare uno dei panorami più belli di Siviglia. Le pareti sono decorate con rombi che si intrecciano sulle finestre gemelle e su altre cieche. Un tempo qui si trovava una torretta la cui cupola recava 4 palle dorate, ma il terremoto del 1355 la distrusse, così Hernan Ruìz II ideò la nuova costruzione a 5 piani, che rappresenta il simbolo trionfante del cristianesimo.

Orario
Dal Lunedì al Sabato: 11-17
Domencia e festivi: dalle 14.30 alle 18.00
Dal 1 al 31 Agosto
Dal Lunedì al Sabato: 09:30-15.30
Domencia e festivi: dalle 14.30 alle 18.00
Prezzo 7 € (incluso ingresso alla Cattedrale)

L'Archivio delle Indie

Nell'area monumentale di Siviglia, al centro della Plaza del Triunfo sorge la Casa Lonja (1583-98) in stile tardo-rinascimentale, che ospita l'Archivio generale delle Indie al cui interno è raccolto un vasto materiale sulla colonizzazione europea del Centro e Sudamerica. La storia della nascita dell'Archivio delle Indie risale a quando a Siviglia si teneva quotidianamente nel Patio degli Aranci la Borsa Merci voluta da Filippo II. Ma nel XVIII secolo la Borsa iniziò a perdere la sua importanza, fino a che Carlo III non vi fece trasferire l'Archivio General De Indias. Questo edificio creato da Juan de Herrera, fungeva da Loggia dei Mercanti (Lonjia) al cui interno si conservano tutti i documenti sulla storia della scoperta dell'America fino al XIX secolo. Inoltre potrete trovare anche saggi di Ferdinando Magellano, il primo circumnavigatore della Terra, Cristoforo Colombo, ma anche resti dei documenti dei conquistatori del Messico e del Perù: Cortès e Pizarro, insieme a numerose piante delle città.

Orario: Dal Lunedì al Venerdì, 8/15 - Ingresso Gratuito 

Hotel in Andalusia
Per prenotare un hotel in Andalusia vi consigliamo di consultare Booking.com. 165 hotel a Siviglia, 150 a Siviglia e 67 a Granada. Tutti con foto, prezzi, servizi descrizioni dettagliate e i commenti di chi ha già soggiornato.
Resta in contatto
Home | Chi siamo | Contatti | Pubblicità | Privacy | Copyright | Newsletter |

© 2005-2011 Scrittura.org
Tutti i contenuti di questo sito sono proprietà letteraria protetta dal diritto d'autore internazionale.